la storia

Il Taj Mahal è un enorme complesso di mausolei commissionato nel 1632 dall’imperatore Mughal Shah Jahan per ospitare i resti della sua amata moglie. Costruito nell’arco di 20 anni sulla sponda meridionale del fiume Yamuna ad Agra, in India, il famoso complesso è uno dei più notevoli esempi di architettura Mughal, che combina influenze indiane, persiane e islamiche. Al suo centro si trova il Taj Mahal, costruito in marmo bianco scintillante che sembra cambiare colore a seconda della luce del giorno.

Designato nel 1983 come patrimonio mondiale dell’UNESCO, rimane una delle strutture più famose al mondo e uno straordinario simbolo della ricca storia dell’India.

Shah Jahan

Shah Jahan era un membro della dinastia Moghul che governò la maggior parte del nord dell’India dall’inizio del XVI fino alla metà del XVIII secolo. Dopo la morte di suo padre, il re Jahangir, nel 1627, Shah Jahan emerse il vincitore di un’aspra lotta di potere con i suoi fratelli e si incoronò imperatore ad Agra nel 1628.

Al suo fianco c’era Arjumand Banu Begum, meglio conosciuto come Mumtaz Mahal (“Scelto uno del palazzo”), che sposò nel 1612 e amava essere il favorito delle sue tre regine.

Nel 1631, Mumtaz Mahal morì dopo aver dato alla luce il quattordicesimo figlio della coppia. Lo straziante Shah Jahan, noto per aver commissionato una serie di imponenti strutture durante tutto il suo regno, ordinò la costruzione di un magnifico mausoleo attraverso il fiume Yamuna dal suo palazzo reale ad Agra.

La costruzione iniziò intorno al 1632 e continuò per i successivi due decenni. Il capo architetto era probabilmente Ustad Ahmad Lahouri, un indiano di origine persiana a cui in seguito sarebbe stato attribuito il merito di aver progettato il Forte Rosso a Delhi.

In tutto, più di 20.000 lavoratori provenienti dall’India, dalla Persia, dall’Europa e dall’Impero ottomano, insieme a circa 1.000 elefanti, furono portati a costruire il complesso del mausoleo.

Progettazione e costruzione del Taj Mahal

Nominato Taj Mahal in onore di Mumtaz Mahal, il mausoleo era costruito in marmo bianco intarsiato con pietre semi-preziose (tra cui giada, cristallo, lapislazzuli, ametista e turchese) che formano intricati disegni in una tecnica nota come pietra dura.

La sua cupola centrale raggiunge un’altezza di 240 piedi (73 metri) ed è circondata da quattro cupole più piccole; quattro torri sottili, o minareti, stavano agli angoli. In conformità con le tradizioni dell’Islam, i versetti del Corano sono stati inscritti in calligrafia sugli ingressi ad arco del mausoleo, oltre a numerose altre sezioni del complesso.

All’interno del mausoleo, una camera in marmo ottagonale adornata con intagli e pietre semipreziose ospitava il cenotafio, o falsa tomba, di Mumtaz Mahal. Il vero sarcofago che conteneva i suoi resti reali giaceva sotto, a livello del giardino.

Il resto del complesso del Taj Mahal comprendeva una porta principale di arenaria rossa e un giardino quadrato suddiviso in quarti da lunghe pozze d’acqua, così come una moschea di arenaria rossa e un edificio identico chiamato jawab (o “specchio”) di fronte la moschea. La pratica di costruzione tradizionale di Mughal non consentirebbe modifiche future al complesso.

Secondo la leggenda, Shah Jahan intendeva costruire un secondo grande mausoleo sul fiume Yamuna dal Taj Mahal, dove le sue stesse spoglie sarebbero state sepolte quando morì; le due strutture dovevano essere collegate da un ponte.

In realtà, Aurangzeb (terzo figlio di Shah Jahan con Mumtaz Mahal) depose il padre malato nel 1658 e prese il potere da solo. Shah Jahan visse gli ultimi anni della sua vita agli arresti domiciliari in una torre del Forte Rosso ad Agra, con una vista del maestoso luogo di riposo che aveva costruito per sua moglie; quando morì nel 1666 fu sepolto accanto a lei.

Lo sapevate?
Secondo una storia raccapricciante (e molto probabilmente sensazionale), Shah Jahan fece tagliare le mani dell’architetto del Taj Mahal e dei suoi lavoratori dopo che la struttura fu completata, assicurando che non avrebbero mai costruito un altro del suo genere.

Storia della costruzione

Il Taj Mahal fu costruito dall’imperatore Mughal Shah Jahān (regnò nel 1628-58) per rendere immortale sua moglie Mumtāz Maḥal (“Scelto uno del palazzo”). Il nome Taj Mahal è una derivazione del suo nome. Morì di parto nel 1631, dopo essere stata l’inseparabile compagna dell’imperatore dal loro matrimonio nel 1612. I piani per il complesso sono stati attribuiti a vari architetti del periodo, anche se il capo architetto era probabilmente Ustad Aḥmad Lahawrī, un indiano di origine persiana . I cinque elementi principali del complesso – gateway principale, giardino, moschea. jawab (letteralmente “risposta”, un edificio che rispecchia la moschea), e il mausoleo (inclusi i suoi quattro minareti) – sono stati ideati e progettati come un’entità unitaria secondo i principi della pratica di costruzione di Mughal, che non ha permesso ulteriori aggiunte o alterazioni. L’edificio iniziò intorno al 1632. Più di 20.000 lavoratori furono impiegati dall’India, dalla Persia, dall’Impero ottomano e dall’Europa per completare il mausoleo stesso intorno al 1638-39; gli edifici secondari furono finiti nel 1643, e le opere di decorazione continuarono fino almeno al 1647. In totale, la costruzione del complesso di 42 acri (17 ettari) si estendeva per 22 anni.

Una tradizione riferisce che Shah Jahān originariamente intendeva costruire un altro mausoleo attraverso il fiume per ospitare le sue stesse spoglie. Quella struttura doveva essere stata costruita in marmo nero e doveva essere collegata da un ponte al Taj Mahal. Fu deposto nel 1658 da suo figlio Aurangzeb, tuttavia, e fu imprigionato per il resto della sua vita nel Forte di Agra.

Taj Mahal nel corso degli anni

Sotto il lungo dominio di Aurangzeb (1658-1707), l’impero Mughal raggiunse l’apice della sua forza. Tuttavia, le sue politiche militanti musulmane, compresa la distruzione di molti templi e santuari indù, minarono la duratura forza dell’impero e la portarono alla sua fine entro la metà del XVIII secolo.

Anche quando il potere di Mughal si sgretolò, il Taj Mahal soffrì di abbandono e rovina nei due secoli successivi alla morte di Shah Jahan. Verso la fine del XIX secolo, Lord Curzon, allora viceré britannico dell’India, ordinò un importante restauro del complesso del mausoleo come parte di uno sforzo coloniale per preservare il patrimonio artistico e culturale dell’India.

Oggi, circa 3 milioni di persone all’anno (o circa 45.000 al giorno durante l’alta stagione turistica) visitano il Taj Mahal.

L’inquinamento atmosferico delle fabbriche e delle automobili vicine rappresenta una continua minaccia per la scintillante facciata in marmo bianco del mausoleo e, nel 1998, la Corte suprema indiana ha ordinato una serie di misure anti-inquinamento per proteggere l’edificio dal deterioramento. Alcune fabbriche furono chiuse, mentre il traffico veicolare fu bandito dalle immediate vicinanze del complesso.